Sintomi AIDS: come accorgersi di essere sieropositivi

0
80
Sintomi-aids

L’AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita) è una patologia ancora oggi molto seria, ma che fortunatamente rispetto al passato si può controllare con una serie di cure specifiche, anche se molto costose. Questa sindrome, che abbatte le difese del nostro organismo debilitando al massimo il sistema immunitario, è provocata dall’HIV (virus dell’immunodeficienza umana) ma come vedremo tra poco non è detto che una persona con HIV sia destinata ad avere anche l’AIDS. I sintomi AIDS non si manifestano sempre nell’immediato: potrebbero volerci anni prima di scoprire di essere affetti da questa patologia. Come vedremo tra poco, però, in molti casi i campanelli d’allarme ci sono e basta un po’ di attenzione per riconoscerli. 

Anche se spesso sembra lontana da noi, l’AIDS è una malattia molto diffusa: secondo i dati dell’Organizzazione della Sanità, nel 2009 erano ben 33,4 milioni le persone affette da questa patologia nel mondo. Ogni anno assistiamo a 2,7 milioni di nuove infezioni HIV e i decessi sono ancora elevati (2 milioni all’anno). Questi dati sembrano allarmanti, ma quello che risulta ancora più allarmante è il fatto che, specialmente i giovani, non prestino le dovute attenzioni. Prevenire il contagio non è impossibile, anzi: l’AIDS è una malattia che viene trasmessa sessualmente e il semplice utilizzo del preservativo avrebbe salvato molte vite.

Cosa sono AIDS e HIV

AIDSAIDS è l’acronimo inglese di sindrome da immunodeficienza acquisita: una malattia sicuramente molto seria, che può risultare anche mortale in diversi casi ma che al giorno d’oggi fortunatamente può essere curata con una serie di terapie specifiche. L’AIDS è causato dal virus dell’HIV: se questo attacca le cellule T-helper ossia degli specifici linfonodi, inizia a moltiplicarsi e distruggere altre cellule T. In questo modo, l’organismo non è più in grado di rispondere agli attacchi esterni perchè il sistema immunitario risulta completamente indebolito.

Quando il numero di questi linfonodi diminuisce in modo considerevole, aumenta vertiginosamente la probabilità di contrarre malattie infettive ma anche alcuni tipi di cancro. L’AIDS quindi non è altro che l’immunodeficienza provocata dal virus dell’HIV. Va però precisato che essere sieropositivi (ossia affetti dal virus dell’HIV) non significa avere l’AIDS: molte persone hanno il virus nel corpo e possono trasmetterlo, ma non è detto che il loro sistema immunitario sia distrutto. Solo quando il sistema immunitario risulta annientato si può parlare di AIDS. 

Sintomi AIDS: come accorgersi di essere sieropositivi

Come abbiamo appena detto, parlare di sintomi AIDS e di sieropositività non è la stessa cosa. In tanti si chiedono come accorgersi di essere sieropositivi: effettivamente questo è il primo passo verso l’AIDS. Solo una persona sieropositiva e che quindi ha contratto il virus dell’HIV può ammalarsi di AIDS. Bisogna però distinguere le due cose, perchè come abbiamo appena visto non tutti coloro che sono stati contagiati dal virus si ammalano di AIDS.

Sintomi dell’HIV: come accorgersi di essere stati contagiati

In alcuni casi la semplice infezione da HIV rimane asintomatica, ma spesso compaiono dei sintomi tipici che passano in sordina perchè molto simili ad una banale influenza. I sintomi più comuni, che possono comparire sin dalle prime settimane successive al contagio, sono i seguenti:

  • Febbre;
  • Senso di spossatezza;
  • Eruzioni cutanee;
  • Mal di testa.

Questi sintomi, spesso trascurati e non attribuiti ad una malattia seria, tendono a scomparire da soli entro pochi giorni, dopodiché non si manifestano altri disagi. Una persona affetta da HIV può continuare a vivere la sua vita senza nessun tipo di problema, almeno fino a quando l’infezione non inizia a degenerare in AIDS. Il virus infatti potrebbe continuare a proliferare, attaccando a poco a poco il sistema immunitario. Potrebbero comparire, anche a distanza di anni, altri sintomi specifici:

  • Linfonodi gonfi;
  • Sudorazione notturna;
  • Infezioni di altro tipo.

Sintomi AIDS: come accorgersi di essere immunodeficienti

Come abbiamo detto, i sintomi AIDS sono strettamente collegati all’immunodeficienza: il sistema immunitario viene distrutto dal virus dell’HIV e non è quindi più in grado di fronteggiare nemmeno una banalissima infezione. In una persona che ha contratto il virus, i sintomi AIDS possono comparire anche a distanza di anni ma sono piuttosto evidenti:

  • Febbre;
  • Perdita di peso;
  • Senso di spossatezza;
  • Sudorazione notturna;
  • Linfonodi ingrossati;
  • Diarrea persistente;
  • Polmonite;
  • Tremori;
  • Infezioni di varia natura.

In una persona affetta da AIDS, il sistema immunitario non lavora più: per questo motivo, oltre ai sintomi appena elencati, si manifestano malattie e infezioni di varia natura. Un paziente affetto da AIDS è debole e rischia di ammalarsi gravemente di qualsiasi cosa. 

Come riconoscere una persona sieropositiva

Molti si chiedono come sia possibile riconoscere una persona sieropositiva, ma purtroppo non esistono dei campanelli d’allarme in questo senso. Certo, un paziente affetto da AIDS si può riconoscere in alcuni casi per via dei linfonodi particolarmente gonfi o per gli altri sintomi tipici che abbiamo elencato prima. Bisogna però ricordare che una persona affetta dal virus dell’HIV è infettiva al 100% e quando si trova ancora in questa fase non presenta sintomi evidenti. E’ quindi bene preoccuparsi sempre di prevenire il contagio utilizzando dei preservativi: una persona con l’HIV non si può riconoscere!

Ti potrebbe interessare anche…


*Le informazioni in questo pagina sono da considerarsi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun modo il consulto da parte di un medico. Le persone e le loro testimonianze che in alcuni articoli riportiamo parlano anche di risultati straordinari, essendo però le persone diverse tra loro, non si possono garantire per tutti gli stessi risultati. Ilmediconline.it non può essere ritenuto responsabile circa l’accuratezza, la completezza o le informazioni fornite: recensiamo prodotti di cui non siamo né i produttori né i fornitori diretti, in caso di problematiche sui prodotti recensiti sarà necessario contattare il produttore o il fornitore.

Lascia un messagio

Please enter your comment!
Please enter your name here