Allergia al nichel: sintomi e cose da sapere

0
306
Allergia-al-nichel

L’allergia al nichel è una delle cause più comuni di quella che viene definita dermatite da contatto: un’infiammazione della pelle che si manfesta in modo più o meno evidente e che compare nel momento in cui questo materiale entra in contatto con la cute. L’allergia al nichel è abbastanza diffusa e fortunatamente la si riesce a riconoscere con una certa semplicità, ma non sempre è così. Quello che infatti in molti non sanno è che questo materiale non si limita a provocare delle reazioni allergiche nei soggetti che presentano questo disturbo. Il nichel si trova anche in alcuni alimenti e nelle persone che presentano una particolare sensibilità al materiale può provocare una serie di disturbi che vanno ben oltre alla semplice manifestazione cutanea.

Sempre più pazienti manifestano, insieme al classico arrossamento della pelle accompagnato da prurito ed eczema, anche dei sintomi che colpiscono l’apparato gastroenterico. In questo caso le cause non sono da rintracciare nel contatto con oggetti in nichel ma piuttosto nell’ingestione di cibi che presentano tracce di questo materiale.

Allergia al nichel: sintomi e manifestazioni della dermatite da contatto

Allergia-al-nichelNella maggior parte dei casi le persone che sono allergiche al nichel manifestano i sintomi tipici della dermatite da contatto. Questo materiale si trova in moltissimi oggetti di uso comune come la bigiotteria e quindi orecchini, bracciali e via dicendo ma anche monete, cinture, chiavi, telefoni cellulari e così via. I pazienti che soffrono di allergia al nichel devono prestare quindi attenzione a tutti questi oggetti perchè specialmente con il contatto prolungato si manifesta una reazione piuttosto fastidiosa. Nella maggior parte dei casi i sintomi compaiono dopo che la pelle è stata esposta al nichel per un determinato periodo di tempo, ma in alcune persone si possono manifestare anche al primissimo contatto.

I sintomi tipici della dermatite da contatto dovuta all’allergia al nichel sono i seguenti:

  • Prurito continuo;
  • Dermatite e arrossamento della pelle;
  • Ulcere cutanee e vescicole.

Oltre a questi sintomi esantematici , l’allergia al nichel può provocare nei soggetti più debilitati e sensibili anche asma, disturbi intestinali, mal di testa e crampi addominali. Lo sfogo cutaneo può persistere anche per 2 settimane dopo l’esposizione a questo metallo e in alcuni casi può estendersi anche in altre aree del corpo, non direttamente entrate in contatto con il nichel.

Allergia alimentare al nichel: sintomi e manifestazioni

Come abbiamo accennato, l’allergia al nichel si può manifestare anche con dei sintomi di tipo gastrointestinale. Questo metallo infatti si trova anche in molto alimenti e nelle persone sensibili l’ingestione di tali cibi può scatenare una reazione allergica più o meno marcata. Solitamente, l’allergia o intolleranza al nichel di tipo alimentare si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Peggioramento della dermatite e orticaria generalizzata;
  • Eczema generalizzato;
  • Diarrea o stitichezza;
  • Gonfiore di stomaco e crampi addominali;
  • Vomito;
  • Bruciore di stomaco e difficoltà digestive;
  • Disturbi respiratori come rinite o asma;
  • Stanchezza generalizzata;
  • Mal di testa;
  • Febbre.

Naturalmente non è detto che compaiano tutti questi sintomi perchè dipende dal grado di tolleranza dell’individuo a questo metallo e alla quantità ingerita.

Allergia al nichel: diagnosi

Per la diagnosi di allergia al nichel non è sufficiente l’osservazione diretta dei sintomi, perchè questi potrebbero dipendere da moltissime altre allergie. Per la diagnosi è necessario effettuare il patch test: un esame allergologico in grado di confermare il sospetto di allergia a questo materiale eliminando ogni dubbio.

Cosa fare in caso di allergia al nichel

Questa allergia, che è piuttosto diffusa, è purtroppo tra le più insidiose perchè gli oggetti e gli alimenti che contengono nichel sono davvero moltissimi e spesso non ne siamo nemmeno consapevoli. Per tale ragione è piuttosto difficile evitare qualsiasi contatto, mentre risulta nettamente più semplice eliminare dalla dieta i cibi che potrebbero contenere nichel.

Dieta per allergia al nichel

La dieta in caso di allergia al nichel prevede l’eliminazione di tutti quegli alimenti che contengono questo materiale e che quindi potrebbero provocare una reazione allergica. Purtroppo i cibi contenenti nichel non sono pochissimi e anzi, sono molti di più di quello che ci aspetteremmo. In caso di allergia sono da evitare i seguenti cibi:

  • Frutti come albicocche, fichi, pere, mandorle, avocado, mirtilli, noci e nocciole;
  • Cavoli, spinaci, carote, pomodori, cipolle, asparagi, lenticchie, funghi, mais, insalata a foglia verde, piselli, broccoli, patate;
  • Ostriche, aragoste;
  • Farina di grano tenero, margarina, avena, grano saraceno, lievito in polvere;
  • Liquirizia;
  • Cacao e cioccolato;
  • Thè.

Trattamento per l’allergia sistemica al nichel

Fortunatamente, oggi è possibile intraprendere un trattamento per l’allergia sistemica al nichel che consente di evitare una dieta così rigida. Il problema infatti è che eliminando i cibi contenenti nichel si rischia di andare incontro ad anemia per via della carenza di ferro che la restrizione alimentare comporterebbe. Grazie al trattamento di desensibilizzazione con il nichel solfato invece si riesce a risolvere il problema.

Ti potrebbe interessare anche…


Loading...