Apparecchi acustici: tipologie e guida alla scelta

0
66
Apparecchi-acustici

Gli apparecchi acustici sono dispositivi medici indispensabili per alcuni pazienti, perchè aiutano in modo notevole a far fronte a tutti i disagi che derivano dall’ipoacusia ossia dalla progressiva diminuzione o perdita dell’udito. Questa condizione può avere moltissime cause differenti, anche se tra le più comuni troviamo la vecchiaia. Mano a mano che l’età avanza il sistema uditivo va incontro ad un progressivo deterioramento, che può determinare moltissimi disagi sia a livello sociale che personale.

Al giorno d’oggi gli apparecchi acustici sono diventati sempre più sofisticati e discreti: non si notano nemmeno ma consentono di ottenere dei risultati davvero sorprendenti. Quando si iniziano a manifestare i primi sintomi di un peggioramento dell’udito conviene dunque informarsi a dovere ed effettuare una visita specialistica. Prima si ricorre ad un apparecchio acustico e minori saranno i disagi avvertiti per via di questo disturbo, che crea isolamento e scarsa autostima ma che può incidere su molti altri aspetti della vita.

Tipologie di apparecchi acustici

Gli apparecchi acustici non sono tutti uguali: al giorno d’oggi esistono in commercio moltissime tipologie ed è bene avere le idee chiare per comprendere quale sia la più indicata per il proprio disturbo. Inoltre, al di là della funzionalità, questi apparecchi si distinguono anche per via della loro forma e di dove vanno indossati. Questo è un fattore che incide a livello psicologico e che quindi merita di essere preso in considerazione con una certa attenzione.

Le tipologie di apparecchi acustici più diffuse sono 3: quelli retroauricolari, quelli endoauricolari e infine quelli a scomparsa.

Apparecchi acustici retroauricolari

Gli apparecchi retroauricolari sono quelli classici, i primi ad essere stati inventati e quindi anche i meno sofisticati dal punto di vista tecnologico. L’efficacia di questi dispositivi è in realtà molto elevata, ma tendono ad essere scartati da molti pazienti perchè troppo visibili. Gli apparecchi retroauricolari infatti rimangono completamente al di fuori dell’orecchio e vanno agganciati intorno al padiglione. Questa tipologia è quindi la meno discreta, anche se al giorno d’oggi le dimensioni sono comunque molto più piccole rispetto al passato. E’ consigliata a coloro che soffrono di patologie gravi o che presentano problematiche legate ad un’eccessiva produzione di cerume. Gli apparecchi retroauricolari sono spesso utilizzati dagli anziani perchè risultano decisamente più maneggevoli rispetto alle altre tipologie, più complesse da mettere e da togliere. Sono anche i più economici.

Apparecchi acustici endoauricolari

Gli apparecchi endoauricolari sono sicuramente più discreti perchè vanno inseriti nel’orecchio, anche se una piccola parte rimane all’esterno ed è quindi visibile. Questi dispositivi sono disponibili in molte misure differenti, che devono essere scelte a seconda del livello di sordità perchè quello che cambia è la dimensione dell’amplificatore. Solitamente questi apparecchi sono consigliati per coloro che soffrono di ipoacusia media, ma ne esistono anche di specifici per le forme più gravi. Se confrontati a quelli retroauricolari, hanno un prezzo più elevato ma sono anche molto meno evidenti e per molte persone questo è un dettaglio importante.

Apparecchi acustici a scomparsa

Al giorno d’oggi è possibile trovare anche degli apparecchi acustici “a scomparsa” che non si vedono e sono quindi i più discreti in assoluto. Questa tipologia però è indicata solamente per coloro che hanno patologie o difetti dell’udito lievi, che non necessitano di amplificatori particolarmente grandi. Naturalmente, data la loro discrezione ed il livello tecnologico, gli apparecchi a scomparsa sono anche i più costosi. 

Optional e funzioni aggiuntive

Tutte le tipologie di apparecchi acustici si differenziano inoltre in base ad una serie di funzionalità aggiuntive che al giorno d’oggi riescono ad assecondare le più svariate esigenze. Alcune caratteristiche possono rivelarsi molto utili mentre altre sono del tutto superflue per alcune persone, quindi è importante sempre valutare con attenzione ogni dettaglio. Gli optional infatti fanno aumentare il prezzo degli apparecchi acustici in modo significativo, quindi vale la pena chiedersi se siano effettivamente necessari.

Riduzione dei rumori di fondo

Un optional molto utile consente di ridurre i rumori di fondo, che possono interferire con la qualità dei suoni percepiti. In questo modo si riesce a sentire meglio la voce di chi parla da vicino mentre il brusio circostante è attutito.

Regolazione del volume

Alcuni apparecchi offrono la possibilità di regolare il volume con un telecomando, in modo da poter impostare la modalità preferita (luoghi pubblici, luoghi silenziosi, musica, film, ecc.).

Bluetooth

Alcuni apparecchi sono dotati di buetooth e possono essere collegati ad altri dispositivi per ascoltare per esempio la musica dallo stereo, un film in TV e via dicendo.

Bobina telefonica

Ci sono apparecchi acustici che sono dotati di una bobina telefonica, che permette di ricevere l’uscita audio del telefono direttamente nell’amplificatore dell’apparecchio. Questo consente di fare telefonate con il massimo della percezione.

Impermeabilizzazione

Per resistere all’umidità e alla pioggia, ci sono apparecchi acustici impermeabili che anche se vengono a contatto con l’acqua non rischiano di danneggiarsi o andare incontro a guasti  e malfunzionamenti improvvisi.


Loading...