Ritalin: un farmaco per l’ADHD che va usato con cautela

0
333
Ritalin

Il Ritalin è un farmaco di cui si è sentito spesso parlare, non sempre in termini positivi. Oggi purtroppo la sua fama è peggiorata ulteriormente per via dell’utilizzo del tutto scorretto che ne viene fatto sempre più di frequente da parte dei ragazzi e dei giovani in generale. Il Ritalin è un medicinale che appartiene alla classe degli psicostimolanti e viene prescritto per il trattamento e la cura dell’ADHD ossia del disturbo da deficit di attenzione/iperattività. Purtroppo, da quando è diventato legale anche in Italia il suo uso ed abuso è aumentato esponenzialmente da parte dei giovani, che non si rendono conto di quanto possa essere pericoloso. Parliamo infatti di un medicinale che presenta molte somiglianze con le amfetamine e che di fatto appartiene alla categoria degli psicofarmaci.

Come abbiamo detto in più occasioni, i medicinali che agiscono sulla psiche sono i più pericolosi perchè non solo rischiano di creare dipendenza ed assuefazione ma possono, alla lunga, determinare dei disturbi di personalità. Il fatto che oggi il Ritalin sia concepito da molti ragazzi come la soluzione ai problemi di concentrazione è quindi gravissimo.

Ritalin: indicazioni terapeutiche

Il Ritalin contiene il principio attivo Metilfenidato cloridrato, che appartiene alla classe degli psicostimolanti. Si tratta di un medicinale specifico, che viene prescritto esclusivamente per la cura ed il trattamento dell’ADHD ossia del disturbo da deficit di attenzione/iperattività. I soggetti che possono presentare questo tipo di disturbo però hanno limiti di età piuttosto precisi, che vanno dai 6 ai 18 anni. Parliamo quindi di pazienti molto giovani, che potrebbero fare un utilizzo scorretto del farmaco o darlo ai propri amici. Come vedremo infatti il Ritalin consente di aumentare la concentrazione, il che è un obiettivo che molti giovani cercano di raggiungere.

Controindicazioni ed avvertenze

Il fatto che non si tratti di un medicinale da sottovalutare si può notare anche dalle numerose controindicazioni del Ritalin, che di certo non si possono trascurare. Questo farmaco non può essere assunto nei seguenti casi:

  • Pazienti con ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nel medicinale;
  • Pazienti con problemi alla tiroide;
  • Pazienti affetti da glaucoma;
  • Pazienti affetti da ipertensione;
  • Pazienti affetti da anoressia nervosa;
  • Pazienti affetti da feocromocitoma;
  • Pazienti che in passato hanno sofferto di problemi al cuore o ai vasi sanguigni;
  • Pazienti affetti da disturbi psichiatrici come schizofrenia o manie.

Interazione con altri farmaci

Il Ritalin è un medicinale che deve essere assunto con molta cautela, anche perchè potrebbe entrare in interazione con altre tipologie di farmaci. Bisogna quindi informare sempre il medico o il farmacista prima di iniziare una terapia con questo medicinale, onde evitare effetti collaterali anche gravi.

Ritalin non deve essere assunto in concomitanza con i medicinali IMAO (impiegati per il trattamento della depressione) perchè potrebbe provocare un improvviso aumento della pressione sanguigna.

E’ comunque importante prestare attenzione se si stanno assumendo i seguenti medicinali, perchè potrebbe alterarne l’effetto:

  • Farmaci impiegati per il trattamento della depressione;
  • Farmaci impiegati per il trattamento dell’epilessia;
  • Farmaci impiegati per trattare l’ipertensione o l’ipotensione;
  • Psicofarmaci, impiegati per il trattamento di problemi psichici;
  • Alcuni medicinali per la tosse ed il raffreddore;
  • Farmaci che fluidificano il sangue.

Posologia: modi e tempi di somministrazione

Ritalin è un medicinale che necessita della prescrizione medica per poter essere acquistato in farmacia, quindi sarà lo specialista ad indicare la corretta posologia da seguire. Nel foglietto illustrativo del farmaco sono comunque indicati tempi e modi di somministrazione e in caso di dubbio si può fare riferimento a questo. E’ fondamentale evitare di superare le dosi massime consentite perchè questo medicinale non deve mai essere assunto con leggerezza. Potrebbe avere degli effetti collaterali anche molto gravi.

  • 1 compressa 1 o 2 volte al giorno, fino ad un massimo di 60 mg totali giornalieri.

Solitamente il medico prescrive il dosaggio minimo per poi andarlo ad alzare in modo graduale ed è esattamente così che bisognerebbe fare per minimizzare gli effetti collaterali possibili. E’ inoltre importante ricordare che il Ritalin andrebbe assunto preferibilmente al mattino e all’ora di pranzo, mentre è da evitare la sera. Devono infatti passare almeno 4 ore prima di andare a dormire.

Ritalin: effetti collaterali indesiderati

RitalinRitalin purtroppo può provocare alcuni effetti collaterali indesiderati, alcuni dei quali risultano particolarmente gravi e preoccupati. E’ quindi fondamentale prestare attenzione ad eventuali manifestazioni che compaiono in seguito al trattamento.

Il trattamento con Ritalin deve essere interrotto immediatamente e bisogna rivolgersi ad un medico con urgenza qualora si presentassero i seguenti effetti collaterali gravi:

  • Tachicardia e palpitazioni;
  • Sbalzi d’umore o problemi di personalità;
  • Allucinazioni e comportamenti psicotici;
  • Desiderio di suicidio;
  • Sindrome di Tourette;
  • Orticaria, prurito, edema che potrebbero dipendere da un’allergia al farmaco;
  • Sintomi tipici della mania (eccitazione, iperattività, ecc.);
  • Convulsioni;
  • Attacco di cuore;
  • Spasmi muscolari incontrollabili;
  • Paralisi;
  • Difficoltà di linguaggio;
  • Desquamazione della pelle;
  • Sindrome neurolettica maligna (che si manifesta con febbre alta, ipertensione e convulsioni gravi);
  • Sintomi tipici di un’insofferenza cardiaca (svenimento, dolore toracico, respiro corto).

Ti potrebbe interessare anche…


Loading...