Morbo di Parkinson: sintomatologia, diagnosi e diffusione della malattia

0
5346
Morbo-di-Parkinson

Individuato e descritto per la prima volta dal medico britannico James Parkinson nel 1817, il morbo di Parkinson è una sindrome degenerativa del sistema nervoso che colpisce un numero piuttosto elevato di persone, soprattutto di età avanzata, anche se talvolta si presenta anche in pazienti giovani. Il morbo di Parkinson appartiene alle patologie che provocano disturbi del movimento, e i sintomi più evidenti sono il tremito, la rigidità, la difficoltà nei movimenti e la mancanza di equilibrio, con una tendenza a peggiorare nel corso del tempo. Non sempre questi sintomi si manifestano tutti, e in ogni caso l’inizio è sempre graduale, con un continuo peggioramento nel corso del tempo. Inoltre, la stessa sintomatologia appartiene anche ad altre patologie, e non sempre si riferiscono alla presenza del morbo di Parkinson.

Sintomatologia e diagnosi

Il morbo di Parkinson è caratterizzato per lo più da difficoltà del movimento, rigidità, tremori e deficit posturali, che si aggravano con una lenta ma incessante progressione. Fin dalle prime osservazioni sui pazienti effettuate da James Parkinson, i segni particolari della malattia venivano descritti come tremori degli arti, andatura sbilanciata e movimenti involontari e disarticolati. La malattia, che colpisce il sistema nervoso e rende impossibile una vita normale, lascia comunque quasi inalterate le funzioni intellettuali. Una caratteristica del morbo di Parkinson è la degenerazione di una specifica area del sistema nervoso centrale che causa una lenta, ma rilevante, perdita di cellule della cosiddetta sostanza nera. Una funzione importante di questa sostanza è la produzione di dopamina, un importante neurotrasmettitore che risulta notevolmente ridotto nei pazienti affetti dal morbo di Parkinson: la dopamina è di importanza fondamentale in quanto permette di muoversi con rapidità e coordinazione, e regola le funzioni del cervello inerenti alle attività motorie.

Diffusione della  malattia

Dopo l’Alzheimer, il morbo di Parkinson è la patologia degenerativa neurologica più diffusa. Insorge raramente prima dei 40 anni, e nella maggioranza dei casi dai 60 ai 70. E’ comunque piuttosto difficile da individuare in quanto tra l’insorgere dei sintomi e la diagnosi passano talvolta diversi anni, e non è raro che i pazienti nei primi stadi del morbo non se ne rendano conto, non si rivolgano ad un neurologo e non assumano i farmaci specifici. La malattia è presente in tutti i paesi del mondo, indipendentemente dall’etnia e dall’età e, a seguito dell’evoluzione progressiva, provoca enormi spese mediche sia a livello personale che nazionale. Attualmente, se la malattia è diagnosticata al primo insorgere, le terapie hanno consentito di ridurre in maniera significativa il tasso di mortalità dei pazienti.

Cause e terapie

Le vere cause di origine alla base del morbo di Parkinson sono tuttora sconosciute, ma vi sono parecchi fattori di predisposizione correlati tra di loro e legati ai processi di invecchiamento, all’ereditarietà, all’ambiente, e talvolta anche a virus, cellule danneggiate e altri fattori esterni. Una certa incidenza della sindrome parkinsoniana sembrerebbe riguardare i tossicodipendenti e gli operatori che si trovano a contatto con determinate sostanze chimiche presenti in insetticidi, erbicidi, vernici, solventi, acque inquinate e composti a base di idrocarburi, monossido di carbonio e cianuro. Non è mai stata provata la presenza di fattori infettivi che potessero influire sull’insorgere della malattia, mentre sembrerebbero avere un certo ruolo lo stress ossidativo, l’azione dei radicali liberi e i processi infiammatori. Attualmente, per quanto non esistano cure definitive, è possibile controllare l’evoluzione della malattia e migliorare la qualità della vita del paziente. L’attività fisica regolare e la cura dell’alimentazione contribuiscono notevolmente a ridurre i sintomi, mentre la terapia farmacologica deve essere seguita con la massima attenzione, e non produce gli stessi risultati in tutti i pazienti. Il farmaco più efficace e utilizzato per la sindrome parkinsoniana è la L-Dopa, che riesce ad ovviare al deficit di dopamina.