Efferalgan: un efficacie antidolorifico e antipiretico a base di paracetamolo

0
9131
Efferalgan

Efferalgan è un farmaco appartenente alla classe dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) a base di paracetamolo, lo stesso principio attivo della Tachipirina. Questo medicinale viene impiegato per il trattamento degli stati dolorosi ma anche in caso di febbre e si può acquistare senza ricetta medica. 

Proprio in quanto farmaco da banco, che non richiede la prescrizione medica, Efferalgan deve essere assunto rispettando la posologia contenuta nel foglietto illustrativo ed è bene sapere che può avere delle controindicazioni.

Efferalgan: indicazioni terapeutiche

Questo medicinale viene impiegato per il trattamento degli stati dolorosi e infiammatori, ma anche come antipiretico in caso di febbre. Nello specifico, Efferalgan può quindi essere assunto per il trattamento dei seguenti disturbi:

  • Dolore lieve o moderato di diversa natura;
  • Dolore derivato da artrosi;
  • Febbre.

Controindicazioni ed avvertenze

Questo medicinale non presenta controindicazioni particolari. Efferalgan non può essere assunto solamente nei seguenti casi:

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nel farmaco.

Bisogna però ricordare che non tutti i pazienti tollerano allo stesso modo il paracetamolo, perchè in caso di determinate patologie o disturbi potrebbe richiedere particolari cautele. E’ importante prestare attenzione nei seguenti casi:

  • Pazienti affetti da insufficienza epatica;
  • Pazienti affetti da insufficienza renale;
  • Pazienti affetti da anemia emolitica;
  • Pazienti affetti da deficit enzimatico.

Interazione con altri farmaci

Prima di assumere questo medicinale è sempre consigliabile informare il medico in merito ad eventuali altri farmaci che si stanno prendendo. Efferalgan infatti può avere delle interazioni con altri tipi di medicinali, con i seguenti in modo particolare:

  • Farmaci antiepilettici (come cimetidina, fenobarbital, glutetimmide);
  • Fenitoina;
  • Farmaci anticoagulanti assunti per via orale;
  • Probenecid.

E’ bene ricordare che questo medicinale non deve essere assunto insieme ad altri farmaci contenenti paracetamolo: tale principio attivo, infatti, a dosaggi elevati rischia di provocare effetti collaterali indesiderati anche seri.

Modi e tempi di somministrazione

Efferalgan è un farmaco da banco, che quindi non richiede la prescrizione medica per essere acquistato in farmacia. Proprio per tale motivo, è fondamentale attenersi alle indicazioni contenute nel foglietto illustrativo e seguire scrupolosamente la posologia consigliata, senza eccedere con i dosaggi. 

Efferalgan è disponibile in diverse formulazioni e dosaggi: compresse da 500 oppure da 1000 mg per gli adulti, ma anche supposte e sciroppo per i più piccoli. Naturalmente, in base alla tipologia di prodotto che si acquista cambia anche la posologia ma in linea di massima i dosaggi consigliati sono i seguenti:

  • Adulti: non deve essere superato il dosaggio massimo giornaliero consentito, pari a 3 g di paracetamolo totali (6 compresse al giorno da 500 mg oppure 3 compresse al giorno da 1000 mg). Tra una somministrazione e l’altra devono trascorrere almeno 4 ore;
  • Bambini di peso compreso tra 26 e 40 Kg: non deve essere superato il dosaggio massimo giornaliero consentito, pari a 2 g di paracetamolo totali (4 compresse da 500 mg).

Effetti collaterali indesiderati

L’assunzione di questo medicinale può dare vita ad effetti collaterali indesiderati, che non si manifestano in tutti i pazienti ma che potrebbero creare qualche momentaneo fastidio o problema. Per minimizzare la possibilità di andare incontro a tali effetti collaterali è importante rispettare la posologia consigliata ed evitare sovradosaggi. Tra gli effetti indesiderati noti troviamo i seguenti:

  • Disturbi gastrointestinali: diarrea, mal di stomaco, dolore addominale;
  • Disturbi del sistema immunitario: shock anafilattico, edema di Quincke o angioedema, reazioni di ipersensibilità;
  • Disturbi della pelle: orticaria, eritema, rash cutanei;
  • Disturbi del sistema vascolare: ipotensione.

Naturalmente non è detto che questi effetti collaterali compaiano in seguito all’assunzione di Efferalgan perchè molti pazienti non hanno manifestato alcun sintomo collegato. Va però ricordato che in caso di manifestazioni cutanee o di angioedema è importante rivolgersi immediatamente al medico e sospendere l’assunzione del farmaco. Potrebbe infatti trattarsi di una reazione di ipersensibilità (allergia).

Efferalgan Bambini: la formulazione in supposte

Efferalgan-bambiniPer combattere i sintomi tipici dell’influenza e gli stati febbrili nei bambini, è possibile somministrare Efferalgan Bambini 300 mg, rivolto proprio ai bimbi di età compresa tra i 2 ed i 9 anni (ossia tra i 24 ed i 28 Kg di peso corporeo). Le indicazioni terapeutiche sono le medesime, quello che cambia è solamente il dosaggio che in questo caso è inferiore ed adatto proprio ai più piccoli. La formulazione in supposte permette di somministrare il medicinale con più facilità, senza dover obbligare il bambino a deglutire una pastiglia. In alternativa, è possibile acquistare lo sciroppo. 

Antidolorifici: il paracetamolo è da preferire

antidolorificiAlla classe dei farmaci antidolorifici appartengono diversi medicinali che svolgono più o meno la stessa funzione ma che in realtà contengono principi attivi anche molto differenti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), tra tutti gli antidolorifici il Paracetamolo (e quindi Tachipirina, Efferalgan, ecc.) è da preferire agli altri tipi di medicinali di questo tipo. Il motivo è molto semplice e spiega il fatto che stranamente tali farmaci non debbano essere assunti a stomaco pieno: il paracetamolo è molto meglio tollerato dallo stomaco e rischia quindi di provocare molti meno danni rispetto all’Aspirina e ad altri farmaci comunemente impiegati…continua a leggere

Ti potrebbe interessare anche…


Loading...