Giramenti di testa: da che cosa dipendono

0
6262
giramenti-di-testa

I giramenti di testa sono un disturbo molto frequente nella popolazione adulta e, come ben sa chi ne soffre o è stata vittima almeno una volta di un episodio simile, possono non avere una diagnosi semplice o univoca. Tanti fattori possono scatenare, infatti, un capogiro: fattori che differiscono tra l’altro, anche in maniera consistente, per gravità.

Vale la pena, comunque, fare subito una precisazione: i giramenti di testa sono da distinguere dalle pur simili vertigini. È una differenza a livello di sensazioni avvertite dal paziente: mentre quest’ultime si manifestano per lo più come movimento percepito del proprio corpo o dell’ambiente circostante, un capogiro è più una sensazione di confusione e di momentaneo offuscamento mentale (letteralmente si può avere la sensazione che “giri” la testa), che qualche volta si accompagna all’impressione di cadere.

Giramenti di testa: quando preoccuparsi?

Un singolo episodio di giramenti di testa, in ogni caso, non dovrebbe destare eccessiva preoccupazione. Può essere legato a un improvviso sbalzo di pressione, a un calo glicemico, magari perché non si è fatta colazione la mattina, ma anche a uno sforzo fisico eccessivo e a cui non si è abituati. A chi non è capitato, poi, di alzarsi troppo velocemente da sdraiato o di cambiare repentinamente posizione e provare un senso di capogiro? Non va dimenticato, inoltre, che una serie di condizioni emotive e di cattive abitudini sono connesse a problemi di questo tipo. Un periodo di forte stress, un’emozione forte come una paura o un lutto possono causare giramenti di testa. Chi dorme poco, non ha abbastanza tempo libero, conduce una vita sedentaria o passa per lavoro molto tempo al pc, poi, potrebbe aver accumulato tensioni a livello dei muscoli cervicali che si manifestano in questo modo.

giramenti-di-testa-vista

Se si ripetono nel tempo fino a diventare cronici, invece, i capogiri andrebbero tenuti sotto osservazione perché potrebbero essere spia di qualche disturbo più grave. Come si è accennato, infatti, i giramenti di testa sono sintomi in comune di numerose patologie a carico di diversi sistemi vitali (nervoso, cardiaco, gastrointestinale). I più comuni, e quelli più facili su cui intervenire, sono problemi legati alla pressione del sangue: ipertensione e pressione bassa possono provocare giramenti di testa quando non veri e propri svenimenti, la soluzione in questi casi è una terapia farmacologia in grado di regolarla. Anche cefalee, emicranie, sinusiti, artrosi e disturbi cervicali possono causare una sensazione simile. Così come anemie e altre anomalie della curva glicemica possono essere individuate a partire da un capogiro. Tra le condizioni più gravi associate ai giramenti di testa ci sono, invece, aneurismi celebrali e attacchi ischemici, encefaliti, ictus, stenosi cervicali o spinali. Non va dimenticato, poi, che un capogiro può essere il primo sintomo di un attacco di panico e che nei pazienti a cui è stata diagnosticata la sindrome fibromialgica possono essere frequenti. In casi più lieti, invece, i giramenti di testa sono il primo segno di una gravidanza. Mai lasciarsi confondere dalle apparenze, insomma: se si accusano disturbi simili meglio rivolgersi subito al medico.



Loading...