Neutrofili Alti: quali sono le possibili cause e quando preoccuparsi

0
15043
Neutrofili-alti
Quando le analisi del sangue evidenziano dei neutrofili alti ci troviamo di fronte ad una condizione chiamata neutrofilia e visto che parliamo di particolari tipi di globuli bianchi le preoccupazioni fanno subito pensare al peggio. Effettivamente, i neutrofili alti possono essere indice di qualche patologia anche molto grave come la leucemia, l’AIDS o altre forme tumorali ma in moltissimi casi sono il semplice sintomo di una banale infezione.

Se quindi le analisi del sangue evidenziano dei neutrofili alti non ha senso farsi prendere dal panico: le cause di un aumento dei globuli bianchi nel sangue possono essere davvero molte e di varia natura quindi la prima cosa da fare è verificare i fattori che hanno determinato questa condizione.

Globuli Bianchi: il ruolo dei neutrofili

I neutrofili sono particolari tipi di globuli bianchi: i leucociti infatti non sono tutti uguali e all’interno di questa famiglia si distinguono i linfociti, i basofili, gli eosinofili, i monociti e appunto i neutrofili, che rappresentano il nucleo più numeroso.

I neutrofili si formano nel midollo osseo e da qui vengono trasportati nei tessuti attraverso il circolo sanguigno. Questi globuli bianchi hanno una funzione fondamentale, perchè sono in grado di catturare e di distruggere qualsiasi sostanza estranea (batteri e virus) attraverso il meccanismo della fagocitosi. In parole povere, i neutrofili proteggono il nostro organismo dagli attacchi di virus e batteri inglobandoli al loro interno e provocandone quindi la distruzione.

In questo interessante video al microscopio, potete vedere il lavoro dei neutrofili all’opera, mentre fagocitano le cellule estranee.

 

Neutrofili alti: quali sono i valori di riferimento?

Si parla di neutrofilia e quindi di neutrofili alti rispetto al normale quando i valori evidenziati dalle analisi del sangue risultano superiori a 7.000 unità per mm cubo. I risultati ed i valori di riferimento però possono essere anche molto diversi da laboratori a laboratorio, quindi prima di giungere a conclusioni affrettate conviene chiedere indicazioni al medico per la lettura dei risultati.

Leucociti e neutrofili alti: le possibili cause

Leucociti-bassiQuando le analisi del sangue rilevano dei neutrofili alti, la prima cosa da fare è ricercare la possibile causa di tale condizione. Come abbiamo già accennato, infatti, l’aumento dei globuli bianchi può essere determinato da diversi fattori e se in alcuni casi la causa può essere una banale infezione, in altre circostanze la patologia potrebbe essere molto più grave e seria. Una cosa è certa: è sbagliato pensare immediatamente al peggio, perchè l’aumento dei neutrofili non è sempre da attribuire a qualche forma tumorale. Addirittura, in alcuni casi i neutrofili alti potrebbe dipendere da situazioni fisiologiche passeggere e del tutto normali. 

Le cause fisiologiche passeggere

Tra le cause meno preoccupanti che possono determinare un aumento dei leucociti e dei neutrofili nel sangue troviamo semplici condizioni fisiologiche:

  • Stress;
  • Ciclo mestruale;
  • Gravidanza e parto;
  • Nascita;
  • Fumo di sigaretta;
  • Eccessivo sforzo fisico.

In questi casi, naturalmente, per verificare se l’effettiva causa sia quella ipotizzata, conviene ripetere le analisi del sangue a distanza di qualche settimana. Se i valori si abbassano, significa che si trattava di una condizione passeggera senza alcun tipo di ripercussione futura sulla salute.

Infezioni di varia natura

Come abbiamo già anticipato, le infezioni possono determinare un aumento dei neutrofili: questi globuli bianchi infatti devono aumentare la loro concentrazione nel sangue per poter sconfiggere i batteri ed i virus. Esempi di infezioni che possono provocare una condizione di neutrofili alti sono i seguenti:

Infiammazioni e farmaci

I neutrofili alti possono anche dipendere da un’infiammazione in atto, di varia natura: anche in questo caso infatti il sistema immunitario deve attivarsi. Quasi tutti i tipi di infiammazioni possono determinare un aumento dei globuli bianchi, comprese le allergie. Allo stesso modo, un aumento dei globuli bianchi può essere determinato dall’assunzione di alcuni farmaci particolari come ad esempio l’eparina, i corticosteroidi, l’adrenalina e le endotossine.

Neoplasie e linfomi

Un elevato tasso di neutrofili nel sangue può indicare anche patologie molto serie e pericolose: i linfomi e altre forme tumorali provocano spesso questo sintomo ed è per tale ragione che se le analisi del sangue evidenziano dei neutrofili alti conviene appurare al più presto le motivazioni di questa condizione. Bisogna però ricordare che nel caso di tumori e leucemia compaiono spesso altri sintomi associati, ed i valori risultano davvero anomali.

Neutrofili alti in gravidanza: una condizione normale

Globuli-bianchi-alti-gravidanzaMolte donne in gravidanza si preoccupano perchè dalle analisi del sangue emergono i neutrofili più alti del normale e questo naturalmente fa scattare le ansie. In realtà, in gravidanza è del tutto normale e fisiologico che il numero dei globuli bianchi risulti maggiore: è un meccanismo di difesa del nostro corpo. In sostanza, durante il periodo della gravidanza, il sistema immunitario si attiva maggiormente per far fronte ad eventuali infezioni o altri attacchi e proteggere così il feto. Si tratta di un semplice meccanismo naturale che permette al corpo di aumentare la soglia di protezione e non comporta alcun tipo di problema.

Ti potrebbe interessare anche…



Loading...