Ossa del braccio: quali sono e quale funzione svolgono

0
600
Ossa-del-braccio

Le ossa del braccio sono quelle comprese tra la spalla ed il gomito, almeno dal punto di vista anatomico. Nel linguaggio comune però quando parliamo di braccio facciamo riferimento a tutto l’arto superiore, comprendendo anche quello che anatomicamente viene chiamato avambraccio. Ecco che quindi tra le ossa del braccio troviamo anche quelle che arrivano fino al polso. Anche se sarebbe più corretto effettuare questa distinzione, oggi parleremo delle ossa delle braccia considerando l’accezione più ampia del termine e quindi facendo riferimento a tutto l’arto superiore. Come vedremo tra poco, ogni osso è strettamente collegato agli altri ed è indispensabile per un corretto movimento di tutto l’arto. E’ interessante notare che le ossa del braccio corrispondono a quelle della gamba.

Ossa del braccio: l’omero

Quando parliamo di braccio facciamo riferimento, in anatomia, alla porzione dell’arto superiore compresa tra la spalla e l’avambraccio. In questo tratto troviamo un unico osso lungo: l’omero. Esso si trova tra la scapola, che è l’osso principale della spalla e le ossa dell’avambraccio che sono chiamate radio e ulna. L’omero è importante perchè si inserisce sia nell’articolazione del gomito che in quella della spalla.

Questo osso è formato da un corpo centrale detto diafisi e da 2 estremità chiamate epifisi:

  1. L’epifisi prossimale si unisce alla spalla e costituisce l’articolazione scapolo-omerale;
  2. L’epifisi distale si unisce invece alle due ossa dell’avambraccio formando l’articolazione del gomito.

Anche se è l’unico vero osso del braccio propriamente detto, l’omero è importantissimo perchè è il solo che collega spalla e gomito.

Ossa dell’avambraccio: ulna e radio

L’avambraccio è la porzione dell’arto superiore che si trova tra il gomito ed il polso ed è quindi tecnicamente un errore farlo rientrare nella definizione anatomica di braccio, che come abbiamo visto comprende esclusivamente l’omero. Tuttavia, le ossa dell’avambraccio sono fondamentali e strettamente connesse con quest’ultimo perchè partecipano all’articolazione del gomito e del polso.

Le due ossa che si trovano nell’avambraccio sono il radio e l’ulna. Ipotizzando di osservare un uomo con il braccio disteso lungo il corpo e con il palmo rivolto verso di noi, queste due ossa sono collocate come segue:

  • Il radio è l’osso che collega gomito e polso e si trova verso l’esterno;
  • L’ulna è l’osso che collega gomito e polso, corre parallelamente al radio ma si trova verso l’interno dell’avambraccio, più vicina al tronco.

Ossa della spalla: clavicola e scapola

Ossa-della-spallaLe ossa della spalla sono la clavicola e la scapola, alle quali va aggiunto anche l’omero perchè come abbiamo visto si aggancia alla scapola formando l’articolazione scapolo-omerale. La clavicola invece si trova sopra alle altre ossa e collega lo sterno alla scapola. La sua particolarità è che si tratta dell’unico osso del nostro corpo che si trova completamente in orizzontale. La scapola invece è collocata nella parte posteriore della spalla e ha la particolarità di avere una forma triangolare e di essere piatta. Si tratta di un osso fondamentale perchè ad essa sono agganciati sia la clavicola (attraverso l’acromion) sia l’omero (attraverso la cavità glenoidea). E’ quindi la scapola che garantisce il collegamento della spalla con il braccio.

Ossa del gomito: il collegamento tra braccio e avambraccio

Il gomito è un’articolazione importantissima perchè collega il braccio con l’avambraccio e consente quindi di effettuare tantissimi dei movimenti compiuti dagli arti superiori. Il gomito è un punto d’intersezione in cui convergono sia le ossa del braccio che quelle dell’avambraccio. Troviamo quindi l’estremità inferiore dell’omero e le estremità superiori del radio e dell’ulna.

Ossa del polso: il collegamento tra avambraccio e mano

Il polso è l’articolazione che collega l’avambraccio alla mano ed è naturalmente importantissima. Anche se non sembra, questa porzione del braccio ospita ben 8 ossa della mano (che appartengono tutte al carpo) e le estremità di radio e ulna. Anche l’articolazione del polso è quindi fondamentale per consentire determinati movimenti e in modo particolare per permettere alla mano di ruotare.

La funzione delle ossa del braccio

Le ossa del braccio sono quindi fondamentali perchè consentono di effettuare i movimenti con gli arti superiori. Se ci riferiamo unicamente all’omero, questo partecipa come abbiamo visto sia all’articolazione della spalla che a quella del gomito. Radio e ulna invece partecipano all’articolazione del gomito e a quella del polso. Naturalmente, non solo solo le ossa a consentire i movimenti del braccio ma anche i legamenti ed i muscoli, che però sono ospitati proprio nelle cavità ossee.

La funzione delle ossa del braccio quindi è piuttosto intuitiva e semplice: è quella di consentire qualsiasi tipo di movimento che facciamo con gli arti superiori e alloggiare sia i muscoli che i legamenti. Le ossa costituiscono lo scheletro e sarebbero del tutto inutili senza muscoli e legamenti, così come questi ultimi non potrebbero trovare collocazione senza la presenza delle ossa.

Ti potrebbe interessare anche…



Loading...