Calendula: ottimo rimedio naturale sotto forma di olio, crema o tisana

0
450
Calendula

La calendula (calendula officinalis) è una pianta officinale che vanta moltissime proprietà benefiche: un ottimo rimedio naturale che si può trovare sotto forma di olio essenziale, crema oppure tisana. Naturalmente ad ogni formulazione corrisponde un utilizzo specifico, perchè la calendula fa bene sia per la pelle e per le ferite che per gli organi interni. Si tratta di un vero e proprio concentrato di sostanze e principi attivi davvero fantastici e non è certo un caso se questa è tra le piante officinali più diffuse ed utilizzate! Alcuni prodotti a base di calendula si possono trovare in farmacia o in erboristeria, ma come vedremo questa pianta non è difficilissima da coltivare e possiamo realizzare dei rimedi fai da te anche con le nostre mani.

Le proprietà della calendula derivano dai fiori, che sono anche belli e decorativi di color arancione. Da questi viene estratto l’olio essenziale oppure vengono essiccati e possono essere utilizzati per realizzare tisane e decotti dalle proprietà magiche. Come vedremo tra pochissimo, qualsiasi prodotto a base di calendula può essere preparato anche in casa. In alcuni casi occorrono degli ingredienti particolari come la cera d’api che però si possono recuperare facilmente in erboristeria. In altri casi è sufficiente avere i fiori di calendula e farli essiccare per preparare degli ottimi infusi, dalle proprietà terapeutiche davvero eccezionali.

Calendula: proprietà terapeutiche

La calendula è una pianta che contiene numerosi principi attivi e come abbiamo già accennato può essere impiegata per il trattamento fitoterapico di diversi disturbi.

Le creme e le tinture a base di calendula può essere utile nei seguenti casi:

  • Ferite della pelle, per accelerarne la guarigione;
  • Acne e foruncoli;
  • Ulcere della pelle;
  • Ustioni della pelle;
  • Piaghe da decubito;
  • Infezioni della pelle da stafilococco.

Gli infusi, gli sciroppi e gli estratti di calendula possono essere utili nei seguenti casi:

La calendula è quindi un ottimo rimedio naturale che può alleviare diversi sintomi e problemi, anche se spesso deve essere associato ad una cura farmacologica.

Crema alla calendula: come prepararla in casa

Calendula-olioCome abbiamo già accennato, le creme a base di calendula si possono acquistare in farmacia o in erboristeria e risultano efficaci per diverse problematiche della pelle. Si tratta di un prodotto che converrebbe sempre avere a disposizione. Volendo, la crema alla calendula si può realizzare anche in casa e il procedimento è piuttosto semplice.

Per preparare la crema in casa occorrono i seguenti ingredienti:

  • 20 g di fiori freschi di calendula;
  • Olio di oliva;
  • 5 g di burro di cacao;
  • 5 g di cera d’api.

Per prima cosa bisogna mettere i fiori freschi di calendula in un vasetto di vetro e ricoprirli con l’olio di oliva. A questo punto lasciare il vasetto al sole per 1 giornata: in questo modo l’olio assorbirà i principi attivi presenti nei fiori. Una volta trascorso questo tempo, facciamo sciogliere in un pentolino la cera d’api ed il burro, quindi uniamo l’olio di oliva e mescoliamo tutto molto bene. Così facendo possiamo ottenere una crema casalinga eccezionale da applicare sulla pelle.

Tintura madre di calendula: come prepararla in casa

La tintura madre di calendula si può utilizzare per tamponare i brufoli, ma anche per favorire la cicatrizzazione delle ferite della pelle.

Per preparare la tintura madre occorrono i seguenti ingredienti:

  • 20 g di fiori di calendula;
  • 100 ml di alcool al 60%.

Prima di tutto mettiamo in un ampio vaso l’alcol e aggiungiamo i fiori di calendula. Lasciamoli riposare nella soluzioni alcolica per una decina di giorni, quindi spremiamo per bene i fiori e filtriamo il composto. Se vogliamo utilizzare la tintura per scottature o ferite della pelle, conviene diluirla con l’acqua: in 1 litro di acqua dobbiamo aggiungere 100 ml di tintura madre.

Tisana di calendula: come prepararla in casa

Per preparare l’infuso di calendula il procedimento è facilissimo e occorrono anche molti meno ingredienti. Dobbiamo però prima di tutto far essiccare i fiori della pianta, possibilmente all’ombra. Prendiamone quindi 2 cucchiaini e mettiamoli in infusione in 250 ml di acqua bollente. Lasciamo in infusione per circa 10 minuti, quindi filtriamo il tutto e beviamo l’infuso.

Per ottenere benefici evidenti dall’infuso di calendula se ne dovrebbero bere 3 tazze al giorno. Particolarmente consigliato in caso di ciclo mestruale irregolare, astenia e problemi di stomaco.

Calendula: controindicazioni ed effetti collaterali

Attualmente non sono note controindicazioni particolari o effetti collaterali dovuti all’impiego della calendula. Si tratta quindi di un rimedio naturale che può essere impiegato da tutti e che non dovrebbe provocare disturbi o problemi indesiderati. Naturalmente, esiste sempre la possibilità di essere allergici ai principi attivi quindi se dovessero manifestarsi eruzioni cutanee o altri sintomi simili conviene sempre interrompere il trattamento.

Ti potrebbe interessare anche…


Loading...