Linfonodi Ingrossati: le possibili cause e patologie collegate a questo sintomo

0
5491
Linfonodi-ingrossati

I linfonodi ingrossati sono spesso un sintomo che spaventa, perchè potrebbero dipendere da una forma tumorale. In realtà però, quando i linfonodi si gonfiano la probabilità che questo sintomo sia associato ad un cancro sono piuttosto ridotte: spesso e volentieri infatti la causa scatenante sono infezioni o virus che attaccano l’organismo. In linea generale, quando un paziente si rivolge al proprio medico perchè nota dei linfonodi ingrossati, solamente nell’1% dei casi questo sintomo dipende dalla presenza di un tumore. Nel 99% dei casi invece è dovuto ad infezioni che tra l’altro non risultano nemmeno particolarmente gravi. 

Se quindi si notano alcuni linfonodi ingrossati, prima di farsi prendere dal panico e pensare al peggio conviene rivolgersi al proprio medico: come vedremo tra poco le cause di questo sintomo possono essere davvero molte e non ha senso preoccuparsi prima del dovuto.

Cosa sono i linfonodi?

Prima di tutto, conviene soffermarsi un attimo sui linfonodi: in molti infatti sanno che avere i linfonodi ingrossati può essere un sintomo preoccupante, ma non sanno di cosa effettivamente stanno parlando. I linfonodi sono organi che fanno parte del sistema linfatico, uno degli elementi del sistema immunitario e all’interno di questi organi (e di altri come il midollo osseo, la milza, le tonsille) si formano i linfociti. 

I linfociti sono globuli bianchi che rivestono una funzione fondamentale per la risposta immunitaria del nostro organismo: in presenza di determinate patologie ed infezioni, tendono a moltiplicarsi rapidamente e quando questo avviene può capitare che i linfonodi risultino più gonfi ed ingrossati. 

Avere i linfonodi ingrossati è quindi indice di una risposta immunitaria da parte dell’organismo: in alcuni casi tale risposta può avvenire per la presenza di tumori o di altre patologie molto gravi, ma in moltissimi altri casi può essere determinata da una banalissima infezione delle vie aeree.

Linfonodi ingrossati: le possibili cause

Come abbiamo accennato, le possibili cause che determinano un ingrossamento dei linfonodi possono essere davvero molte. In alcuni casi il gonfiore può essere dovuto ad una banale infezione, in altri a determinate patologie e in ultimo può essere il segnale di un tumore.

Le infezioni più banali

Nella maggior parte dei casi, quando i linfonodi si ingrossano siamo di fronte ad un sintomo dovuto ad una banale infezione che può essere sia virale che batterica. In questi casi è piuttosto facile risalire alla causa perchè piuttosto evidente. Tra le infezioni non gravi che possono scatenare una reazione di questo tipo da parte dei linfonodi troviamo le seguenti:

  • Tonsillite o altre infezioni minori della gola;
  • Otite o altre infezioni minori dell’orecchio;
  • Raffreddore o altre infezioni minori delle vie respiratorie;
  • Infezioni della pelle come la cellulite;
  • Ascesso dentale.

In questi casi, i linfonodi non solo tendono a gonfiarsi ma possono anche essere dolorosi se toccati: i pazienti avvertono un senso di indolenzimento. Non appena l’infezione si risolve, comunque, anche i linfonodi tornano delle loro normali dimensioni e si sgonfiano da soli senza conseguenze.

Le patologie che possono scatenare un ingrossamento dei linfonodi

In alcuni rari casi, anche determinate patologie infettive e infiammatorie possono presentare nei loro sintomi un ingrossamento dei linfonodi. Tra le malattie in questione troviamo le seguenti:

Quando i linfonodi ingrossati possono essere sintomo di cancro

Linfonodi-ingrossatiSebbene come abbiamo visto i linfonodi ingrossati siano più spesso riconducibili ad altre patologie meno gravi, in alcuni casi possono essere la spia di un problema molto più serio e preoccupante: un tumore. Bisogna però evitare di farsi prendere dal panico, perchè come abbiamo già spiegato non serve a nulla correre a conclusioni affrettate. Inoltre, quando i linfonodi ingrossati sono il sintomo di un cancro essi hanno delle caratteristiche distintive, che possono aiutare a comprendere la natura del disturbo.

Se sono sintomo di un tumore, i linfonodi hanno le seguenti caratteristiche specifiche:

  • Le dimensioni dei linfonodi ingrossati sono maggiori;
  • I linfonodi non si sgonfiano entro alcune settimane;
  • I linfonodi gonfi tendono ad ingrossarsi sempre di più;
  • La zona intorno ai linfonodi appare arrossata e calda;
  • Tutta la zona intorno ai linfonodi è dolente;
  • La superficie dei linfonodi è irregolare e sono particolarmente duri;
  • I linfonodi ingrossati si trovano al di sopra della clavicola.

In questi casi, è importante rivolgersi al proprio medico per appurare le cause di questi sintomi e verificare che non ci siano metastasi o formazioni neoplastiche di qualche tipo. Bisogna ricordare che in caso di tumore potrebbero presentarsi anche altri sintomi insieme ai linfonodi gonfi: febbre e soprattutto perdita di peso immotivata sono due spie che dovrebbero mettere in allerta il paziente.

Se i linfonodi gonfi si trovano nella zona al di sopra della clavicola, per sicurezza conviene sempre farsi visitare e controllare perchè in tal caso la probabilità di tumore aumenta notevolmente. Nel 90% dei casi di linfonodi gonfi in questa parte del corpo e di pazienti di età superiore ai 50 anni si tratta di tumore.

Ti potrebbe interessare anche…


Loading...