Palexia: un antidolorifico efficace e potente, con diversi effetti collaterali

0
1615
Palexia

Palexia è un farmaco antidolorifico che appartiene alla classe degli oppioidi e viene utilizzato per il trattamento degli stati dolorosi acuti che non possono essere curati con altri medicinali. Si tratta di un farmaco che richiede la prescrizione medica per poter essere acquistato in farmacia e che può dare vita ad alcuni effetti collaterali anche importanti. Per questo motivo è sempre importante rispettare la posologia ed evitare sovraddosaggi, controllare quali sono le controindicazioni ed assumerlo con una certa cautela.

Di recente, il ritiro di alcuni lotti di Palexia ha scatenato preoccupazioni nei pazienti che stavano assumendo questo medicinale. Va però precisato che il farmaco in sè ed il suo principio attivo non sono pericolosi: erano solo stati riscontrati dei difetti in alcuni blister e per questo sono stati ritirati dal mercato.

Palexia: indicazioni terapeutiche

Palexia è un farmaco antidolorifico che contiene il principio attivo Tapentadolo, un potente analgesico oppioide meno forte della morfina ma comunque molto efficace in caso di dolore infiammatorio, neuropatico, viscerale e nocicettivo. Palexia viene quindi impiegato per il trattamento degli stati dolorosi acuti di varia natura.

Controindicazioni ed avvertenze

Palexia è controindicato e quindi non può essere assunto nei seguenti casi:

  • Pazienti con ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nel medicinale;
  • Pazienti affetti da paralisi intestinale;
  • Pazienti affetti da asma, depressione respiratoria o ipercapnia;
  • Pazienti che hanno un avvelenamento acuto da sedativi, alcool, antidolorifici o altri farmaci psicotropi;
  • Donne in stato di gravidanza (se non strettamente consigliato dal medico);
  • Donne in allattamento;
  • Bambini e ragazzi di età inferiore ai 18 anni.

Interazioni con altri farmaci

Palexia potrebbe entrare in interazione con altre tipologie di medicinali e per questo motivo è importante informare il medico o il farmacista qualora si stessero già assumendo altri farmaci. Questi infatti potrebbero alterare l’effetto di Palexia o viceversa e bisogna quindi prestare molta attenzione.

Posologia: modi e tempi di somministrazione

Palexia è un farmaco che necessita di ricetta medica per poter essere acquistato in farmacia. Sarà quindi lo specialista ad indicare la posologia corretta da seguire, sulla base dell’entità del disturbo e della storia clinica del paziente. Nel foglietto illustrativo sono comunque indicati modi e tempi di somministrazione quindi in caso di dubbio si può fare riferimento al bugiardino ed è fondamentale attenersi ai dosaggi massimi consentiti.

  • 1 compressa ogni 4-6 ore, fino ad un massimo consentito di 600 mg giornalieri;
  • 1 compressa a rilascio prolungato ogni 12 ore, fino ad un massimo consentito di 600 mg giornalieri;

Le compresse possono essere assunte a stomaco pieno oppure vuoto, indifferentemente.

Effetti collaterali indesiderati

Palexia potrebbe dare vita ad alcuni effetti collaterali indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano. I sintomi possono essere lievi o gravi a seconda dei casi, ma qualora non dovessero risolversi spontaneamente entro breve tempo conviene informare il medico. Qualora si manifestassero i seguenti effetti collaterali tipici di una reazione allergica bisogna interrompere immediatamente il trattamento e rivolgersi al Pronto Soccorso:

  • Difficoltà nella respirazione e respiro affannoso;
  • Gonfiore del viso, delle labbra, delle palpebre e della lingua;
  • Rash cutaneo e prurito.

Effetti indesiderati molto comuni (almeno 1 paziente su 10)

  • Nausea e vomito;
  • Vertigini;
  • Mal di testa;
  • Sonnolenza.

Effetti indesiderati comuni (almeno 1 paziente su 100)

  • Inappetenza o diminuzione dell’appetito;
  • Stato confusionale, allucinazioni;
  • Incubi, disturbi del sonno;
  • Ansia;
  • Tremori;
  • Stitichezza o diarrea;
  • Indigestione;
  • Sudorazione eccessiva;
  • Prurito;
  • Bocca secca;
  • Vampate;
  • Affaticamento e debolezza;
  • Sbalzi di temperatura.

Effetti indesiderati non comuni (almeno 1 paziente su 1.000)

  • Depressione;
  • Agitazione, nervosismo, irrequietezza, auforia;
  • Problemi di memoria;
  • Disturbi dell’attenzione;
  • Disorientamento;
  • Spasmi involontari;
  • Problemi del linguaggio (ficcioltà a parlare);
  • Problemi di vista;
  • Ipotensione;
  • Sensazione di svenimento;
  • Formicolio;
  • Palpitazioni;
  • Depressione respiratoria;
  • Dolori addominali;
  • Orticaria;
  • Difficoltà e problemi nella minzione;
  • Sindrome di astinenza;
  • Sete eccessiva;
  • Sedazione.

Effetti indesiderati rari (almeno 1 paziente su 10.000)

  • Reazioni allergiche;
  • Attacchi epilettici;
  • Riduzione del livello di coscienza;
  • Problemi nella coordinazione dei movimenti;
  • Rallentamento del battito cardiaco;
  • Disturbi di svuotamento gastrico;
  • Pensieri strani.

Sindrome di astinenza e interruzione di Palexia

I pazienti che assumono Palexia per un periodo di tempo prolungato potrebbero manifestare alcuni problemi dovuti all’interruzione del trattamento. Solitamente il medico in questi casi prescrive una diminuzione graduale dei dosaggi, proprio per evitare che si manifestino sintomi di astinenza o di interruzione brusca del medicinale.

Qualora Palexia venga interrotto repentinamente e quindi non in modo graduale potrebbero manifestarsi i seguenti disturbi:

  • Irritabilità e nervosismo;
  • Naso che cola e lacrimazione;
  • Dolori muscolari;
  • Dilatazione delle pupille;
  • Brividi;
  • Sbadigli frequenti;
  • Ansia;
  • Mal di schiena;
  • Dolori articolari;
  • Crampi addominali;
  • Insonnia;
  • Nausea ed inappetenza;
  • Vomito;
  • Diarrea;
  • Ipertensione;
  • Palpitazioni.

Se il trattamento con questo medicinale è stato piuttosto prolungato conviene quindi sempre diminuire i dosaggi in modo graduale, onde evitare manifestazioni indesiderate anche molto spiacevoli. Palexia agisce sul sistema nervoso centrale e quindi un’interruzione troppo brusca potrebbe dare vita ad effetti indesiderati anche molto problematici.

Ti potrebbe interessare anche…



Loading...