Vaccino Meningite si o no? Effetti collaterali, costo e cose da sapere

0
299
Vaccino-meningite

Il vaccino meningite rientra nella prevenzione di questa patologia, che come abbiamo già visto può risultare molto pericolosa ed avere esiti letali in pazienti con sistema immunitario debilitato. La meningite è l’infiammazione delle meningi e può essere provocata da agenti virali o batterici. E’ proprio nella sua forma batterica che questa malattia risulta maggiormente rischiosa: anche in pazienti sani, potrebbe scatenare diversi disturbi tra cui disabilità a livello intellettivo, problemi di vista, sordità e convulsioni. Si tratta quindi di una patologia da non sottovalutare, che richiede un intervento immediato e che potrebbe rappresentare un vero pericolo sia negli adulti che nei bambini.

Come vedremo tra poco, il vaccino meningite è raccomandato dal Ministero della Salute specialmente ad alcune fasce della popolazione. Quelle più a rischio sono costituite dai neonati, dai bambini e dagli adolescenti mentre in età adulta il rischio si riduce. Ricordiamo che la meningite è una malattia infettiva che si può trasmettere con estrema facilità perchè i batteri responsabili si propagano nell’aria. Basta quindi condividere un ambiente con un paziente affetto da meningite per essere sottoposti ad un rischio di contagio. Per questo motivo il vaccino è caldamente raccomandato: non solo per la propria salute ma anche per quella degli altri.

Le tipologie di batteri responsabili della meningite

Non esiste un unico tipo di vaccino contro la meningite: questa infezione può infatti essere causata da diversi ceppi di batteri anche se alcuni di questi risultano più aggressivi e pericolosi di altri. Tra questi troviamo i seguenti:

  • Meningococco (neisseria meningitidis) del quale esistono diversi sierotipi (A, B, C, Y, W135, X) ma i più pericolosi e diffusi sono il C ed il B;
  • Pneumococco (streptococcus pneumoniae);
  • Haemophilus influenzae.

Vaccino meningite: tutte le tipologie

Come abbiamo appena visto, il vaccino contro la meningite non è uno solo. Ne esistono diversi proprio perchè diversi sono i ceppi batterici che possono provocare questa patologia.

Vaccino anti-meningococco

I vaccini anti-meningococco sono raccomandati dal Ministero della Salute, ma non risultano ad oggi obbligatori. Sono stati inseriti tutti nel Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019 e sono caldamente consigliati a tutte quelle fasce di età che risultano maggiormente a rischio di contrarre l’infezione. Esistono 3 tipologie di vaccino anti-meningococco ossia:

  • Il vaccino coniugato contro il meningococco C è quello più impiegato e protegge esclusivamente dal sierogruppo C (il più pericoloso). E’ gratuito per i bambini che hanno compiuto 1 anno di età e prevede una somministrazione in dose singola al 13° – 15° mese;
  • Il vaccino coniugato tetravalente è quello che fornisce una copertura dai sierogruppi A, C, W e Y. E’ gratuito per gli adolescenti e raccomandato come richiamo;
  • Il vaccino contro il meningococco B protegge esclusivamente dal sierogruppo B. E’ gratuito per i bambini nel corso del primo anno di vita e prevede la somministrazione di 3 dosi separate al 3°, 4° e 6° mese di vita, più un richiamo al 13° mese.

Vaccino anti-pneumococco

Il vaccino meningite specifico contro lo pneumococco rientra tra quelli raccomandati dal Ministero della Salute ma non è obbligatorio, proprio come tutti gli altri vaccini contro la meningite. E’ consigliato nei bambini molto piccoli o in alcune fasce della popolazione particolarmente a rischio. Il calendario nazionale prevede la somministrazione gratuita di 3 dosi, rispettivamente al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino. Questo vaccino viene offerto gratuitamente anche agli adulti di 65 anni. 

Vaccino contro l’haemophilus influenzae

Questo vaccino rientra nell’esavalente che è ad oggi risulta obbligatorio nel primo anno di vita. Insieme all’immunizzazione contro l’Hib, l’esevalente comprende anche i vaccini contro difterite, tetano, pertosse, polio ed epatite B. La somministrazione di questo vaccino viene effettuata in 3 dosi separate: al 3°, al 5° e all’11° mese di vita.

Vaccino meningite: effetti collaterali

Vaccino-meningiteIl vaccino meningite è piuttosto sicuro e ha un profilo di tollerabilità molto buono. Nonostante questo, però, la somministrazione potrebbe dare vita ad alcuni effetti collaterali che presentano caratteristiche differenti tra adulti e bambini. Nella maggior parte dei casi, il vaccino può provocare un lieve gonfiore e dolore nella zona in cui avviene l’iniezione, che tende a risolversi spontaneamente entro qualche ora.

Alcuni effetti collaterali rari ma che comunque possono comparire anche negli adulti sono i seguenti:

  • Febbre;
  • Mal di testa;
  • Sonnolenza;
  • Malessere generale.

Anche queste reazioni si risolvono entro alcuni giorni quindi non sono preoccupanti.

I bambini possono manifestare degli effetti collaterali differenti quali:

  • Febbre;
  • Diarrea e vomito;
  • Sonnolenza;
  • Irritabilità;
  • Inappetenza;
  • Convulsioni;
  • Ipotonia;
  • Reazioni allergiche.

Va detto che nella maggior parte dei casi non sono presenti conseguenze pericolose, nè per i bambini nè per gli adulti. Il vaccino contro la maningite si può considerare sicuro ed è caldamente raccomandato nei soggetti più a rischio di contrarre questa infezione.

Vaccino meningite: quanto dura e qual è il costo?

Il vaccino contro la meningite offre una copertura duratura e non sono previsti, nella maggior parte dei casi, richiami per prolungarne l’effetto. Per quanto riguarda il costo, per le fasce che abbiamo specificato sopra è gratuito.

Ti potrebbe interessare anche…