Vermox: un farmaco efficace contro parassiti come ossiuri e tenia

0
2201
Vermox

Vermox è un farmaco indicato per il trattamento delle parassitosi di varia natura e risulta particolarmente efficace contro ossiuri, verme solitario e parassiti appartenenti alla classe dei cestodi e dei nematodi. Si tratta di un medicinale che necessita della ricetta medica per poter essere acquistato in farmacia, anche perchè potrebbe dare vita ad alcuni effetti collaterali indesiderati. Rispettare la posologia del farmaco è importante, proprio per evitare delle manifestazioni indesiderate anche piuttosto gravi.

Vermox viene spesso prescritto anche ai bambini, soggetti di frequente a parassitosi come gli ossiuri. Anche la popolazione pediatrica quindi può assumere questo farmaco, prestando però sempre molta attenzione alla posologia adatta alle varie fasce d’età.

Vermox: indicazioni terapeutiche

Vermox contiene il principio attivo Mebendazolo, che appartiene alla categoria dei farmaci antielmintici ossia in grado di sconfiggere i parassiti patologici. In particolare, questo medicinale risulta efficace per il trattamento delle patologie provocate dai seguenti parassiti:

  • Tenia o verme solitario;
  • Ossiuri;
  • Tricocefali;
  • Ascaridi;
  • Anchilostomi;
  • Strongiloidi.

Controindicazioni ed avvertenze

Vermox è controindicato e quindi non può essere assunto nei seguenti casi:

  • Pazienti con ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nel farmaco;
  • Pazienti in cura con Flagyl (Metronidazolo);
  • Donne in stato di gravidanza, certa o presunta;
  • Donne in allattamento;
  • Bambini di età inferiore ad 1 anno (se non strettamente necessario e dopo un’attenta valutazione, da parte del pediatra, del rapporto rischio-beneficio).

Interazione con altri farmaci

Vermox potrebbe entrare in interazione con altri farmaci, quindi è sempre importante informare il medico o il farmacista qualora si stessero già assumendo altri medicinali (compresi quelli da banco che non richiedono ricetta medica). In modo particolare, bisogna prestare attenzione ai seguenti farmaci, che potrebbero alterare l’effetto di Vermox o provocare effetti indesiderati anche gravi:

  • Cimetidina (potrebbe essere necessario correggere i dosaggi della terapia);
  • Metronidazolo (nnon può essere assunto insieme a Vermox).

Posologia: modi e tempi di somministrazione

Vermox necessita della ricetta medica per poter essere acquistato in farmacia, quindi sarà lo specialista ad indicare la corretta posologia da seguire. In caso di dubbio però è possibile consultare il foglietto illustrativo dove sono indicati tempi e modi di somministrazione in base alla tipologia di parassiti da combattere.

Per il trattamento degli ossiuri la posologia è la seguente:

  • 1 compressa da 100 mg, oppure 1 misurino (5 ml) in una somministrazione unica. Il trattamento andrebbe ripetuto dopo 2 settimane per prevenire recidive.

Per il trattamento del verme solitario (tenia) e della strongilodiasi:

  • Adulti: 2-3 compresse, oppure 2-3 misurini 2 volte al giorno (al mattino e alla sera). La terapia deve avere una durata di 3 giorni.
  • Bambini: 1 compressa, oppure 1 misurino 2 volte al giorno (al mattino e alla sera). La terapia deve avere una durata di 3 giorni.

Per il trattamento di tricocefalosi, ascaridiasi e anchilostomiasi:

  • 1 compressa, oppure 1 misurino 2 volte al giorno (al mattino e alla sera). La terapia deve avere una durata di 3 giorni.

Effetti collaterali indesiderati

Nel corso della terapia con Vermox potrebbero insorgere alcuni effetti collaterali indesiderati, anche se non si verificano in tutti i pazienti. E’ importante interrompere la terapia e rivolgersi immediatamente al medico qualora comparissero i seguenti sintomi potenzialmente gravi:

  • Rash cutaneo;
  • Gonfiore del viso;
  • Difficoltà nella respirazione;
  • Vampate di calore;
  • Orticaria;
  • Svenimenti;
  • Prurito;
  • Infiammazione degli occhi;
  • Febbre;
  • Vesciche sulla pelle;
  • Attacco epilettico (nei bambini di età inferiore ad 1 anno).

Altri possibili effetti collaterali segnalati dai pazienti sono i seguenti:

  • Disturbi epatici;
  • Vertigini;
  • Mal di stomaco e dolori addominali;
  • Diarrea;
  • Flatulenza;
  • Alopecia (che potrebbe essere anche permanente);
  • Disturbi del sangue.

Ossiuri e altre parassitosi

OssiuriAlcuni pazienti assumono Vermox senza essersi prima sottoposti ad una visita medica approfondita, perchè convinti di avere gli ossiuri. In realtà però le parassitosi che possono colpire il tratto gastro intestinale sono diverse e non sempre si è in grado di distinguerle. Rivolgersi ad un professionista è quindi sempre importante, anche perchè Vermox può risultare efficace contro alcuni parassiti specifici (come gli ossiuri) ma inefficace contro altre forme di parassitosi.

Gli ossiuri sono i parassiti più diffusi in assoluto in ogni parte del mondo e generalmente ad essere più colpiti sono i bambini in età scolare e prescolare. La parassitosi è però contagiosa, quindi è facile che anche gli adulti rimangano infettati dagli ossiuri e i primi sintomi iniziano a comparire dopo 1 o 2 mesi dal contagio. Fortunatamente, questi parassiti intestinali si riescono a vedere ad occhio nudo perchè vengono espulsi di volta in volta con le feci. Sono sottilissimi vermi bianchi e si muovono ancora quando vengono eliminati dal nostro corpo. Intraprendere un trattamento il prima possibile è importante per liberarsi di questo fastidioso problema, ma ricordiamo che anche la terapia preventiva a distanza di qualche settimana è fondamentale. L’ossiuriasi infatti potrebbe ripresentarsi e per essere certi di aver debellato l’infestazione bisogna assumere Vermox anche dopo 2 settimane dalla guarigione.

Ti potrebbe interessare anche…



Loading...