Spossatezza, quali possono essere le cause?

0
2111

Con il termine di spossatezza si intende il senso di stanchezza e mancanza di energia che può manifestarsi dopo un lavoro impegnativo o un’attività particolarmente pesante. Quando però il problema si verifica spesso e senza una ragione precisa, oppure in maniera cronica, potrebbe essere un disturbo più serio, o anche il sintomo di una patologia.

Le cause più comuni della spossatezza

Innanzitutto occorre considerare che non solo un’attività fisica pesante può comportare il senso di stanchezza e spossatezza, ma anche un intenso lavoro intellettuale, una situazione di stress e di tensione, lo studio, la mancanza di sonno e di riposo, qualsiasi attività che richieda attenzione e concentrazione.

Tuttavia, quando le cause sono queste non c’è di che preoccuparsi, una volta terminato il periodo di superlavoro l’organismo recupererà rapidamente armonia e benessere, inoltre, con qualche semplice riguardo, è possibile adattarsi facilmente anche ai periodi più impegnativi.

Se invece, il senso di stanchezza è completamente slegato da qualsiasi attività, potrebbe dipendere da una patologia più o meno seria: in questo caso è opportuno rivolgersi al medico, che provvederà ad effettuare gli accertamenti necessari e, se lo ritiene opportuno, a prendere i dovuti provvedimenti.

spossatezza

Quando la spossatezza deriva da abitudini non corrette

Come già detto, se il senso di stanchezza non ha ragione di essere, non esistono quindi cause inerenti ad un’attività fisica o sportiva intensa, ad un periodo di lavoro o di studio particolarmente stressante e così via, è opportuno rivolgersi al proprio medico, che provvederà a verificare lo stato di salute e ad intervenire di conseguenza.

Prima, però, un suggerimento utile è quello di analizzare un po’ il proprio stile di vita, per correggere eventuali abitudini errate che potrebbero essere la causa dello stress e della stanchezza, e che sono facilmente risolvibili con semplici accorgimenti.

Alimentazione non equilibrata e diete rigorose

Il senso di stanchezza persistente può derivare da un’alimentazione squilibrata e non adeguata. La prima colazione dovrebbe essere il pasto principale della giornata, e saltarla può causare mancanza di energia, tuttavia anche scegliere alimenti troppo dolci è sbagliato: una colazione a base di biscotti, cereali dolci, marmellata, latte o tè zuccherati e altri prodotti simili, provocherà un rapido e consistente aumento del livello di insulina presente nel sangue, con una conseguente successiva caduta degli zuccheri, e l’ovvio risultato di un senso di stanchezza e un calo di energia anche rilevante.

E’ sufficiente correggere il menù della colazione, scegliendo pane, biscotti e cereali integrali, frutta e poco zucchero raffinato, per mantenere un livello glicemico costante e sentirsi in forma per diverse ore. Anche una dieta troppo rigida, che preveda un basso apporto calorico quotidiano, si ripercuoterà inevitabilmente sulla salute, provocando stanchezza fisica e difficoltà di concentrazione: l’alimentazione deve includere cibi sani e freschi, eliminando gli snack e soprattutto evitando di ridurre eccessivamente le calorie quotidiane.

Rimanere troppo a lungo in ambienti chiusi

Soprattutto in inverno, è facile perdere l’abitudine di stare all’aria aperta, e trascorrere quasi l’intera giornata il luoghi chiusi, passando dalla casa, al luogo di lavoro, al supermercato, e utilizzando l’automobile in tutti gli spostamenti: la mancanza di aria e di luce naturale è spesso una delle cause più diffuse della spossatezza. L’ideale sarebbe fare una breve uscita a piedi ogni giorno e, nelle ore trascorse in casa, uscire spesso sul balcone: questo è sufficiente per recuperare l’energia e il benessere.

spossatezza

Esercizio fisico troppo intenso e posture scorrette

L’attività fisica è benefica e positiva per restare in forma e ritrovare energia ed equilibrio psicofisico, ma l’eccesso provoca un effetto contrario: sommare un’attività fisica troppo intensa ad una giornata magari già stressante e impegnativa, non offre tempo a sufficienza per recuperare le energie.

I fanatici del fitness dovrebbero ricordare che un allenamento troppo intensivo provoca un inevitabile calo delle prestazioni atletiche e un senso di stanchezza talvolta anche cronico: per evitare questi problemi è necessario evitare gli eccessi e seguire un programma di allenamento calibrato in cui si alternino alcuni giorni di riposo.

Inoltre, in ogni attività sportiva non deve essere mai tralasciata l’alimentazione, con una dieta corretta e ben equilibrata. Spesso non ci si pensa, ma gli errori di postura possono causare tensione muscolare, con relativo senso di disagio e stanchezza: mantenere una posizione corretta anche in ufficio o davanti alla televisione è utile per evitare contratture e dolori.

Stanchezza intellettuale e stress psicologico

Un lavoro molto impegnativo, un periodo intenso di studio, una serie di obiettivi da raggiungere o di problemi e preoccupazioni a cui far fronte provocano inevitabilmente malessere e stanchezza. Anche in questo caso, concedersi un piccolo intervallo rilassante può essere un rimedio utile per affrontare con maggiore energia le preoccupazioni della vita quotidiana: una passeggiata quotidiana, un corso di yoga o un hobby appassionante sono la soluzione ideale per recuperare e addirittura potenziare le proprie energie mentali.

Anche il relax deve essere però moderato: un’eccessiva pigrizia fisica e mentale, dormire troppo e rimanere molte ore nella stessa posizione porta ad uno stato di sonnolenza e stanchezza, per il quale l’unico rimedio è quello di alzarsi e fare un po’ di movimento.



Loading...