Uricemia alta o bassa: cause, valori e cose da sapere

0
325
Uricemia

L’uricemia è la quantità di acido urico presente nel sangue ed è un parametro di laboratorio che può essere richiesto e tornare utile in diverse occasioni. Un aumento di acido urico a livello ematico può essere causato da diverse condizioni e può dipendere sia da una sua iperproduzione che da un problema a livello renale. Questa molecola organica infatti è il prodotto finale del metabolismo delle proteine e in particolare viene ottenuta dall’organismo grazie alla degradazione delle purine. I reni sono gli organi deputati all’eliminazione dell’acido urico in eccesso presente nel sangue, ma se questi non funzionano come dovrebbero l’uricemia potrebbe risultare più alta del normale.

Non sempre però un’uricemia alta dipende da una disfunzionalità a livello renale: in alcuni casi a provocare un aumento delle concentrazioni di acido urico sono altre patologie, tumori del sangue o fattori esterni. Anche l’alimentazione può giocare un ruolo decisivo da questo punto di vista, quindi prima di effettuare una diagnosi corretta bisogna considerare anche altri parametri di laboratorio.

Uricemia, acido urico e purine

L’acido urico, come abbiamo accennato, è il prodotto della degradazione delle purine (adenina e guanina): basi azotate che costituiscono il DNA. Queste vengono sintetizzate per la maggior parte dalla mucosa intestinale ed epatica, mentre una piccola percentuale viene assunta attraverso l’alimentazione. Alcuni cibi come il fegato, il cervello ed i crostacei sono infatti particolarmente ricchi di purine ed un eccesso nella dieta di questi alimenti può portare ad una maggiore uricemia.

L’acido urico viene eliminato in parte attraverso le urine e in parte attraverso le feci. Se però l’uricemia risulta superiore alla norma significa che questa molecola viene prodotta in eccesso oppure non viene eliminata con successo dai reni. Anche un’uricemia bassa non deve essere trascurata, perchè potrebbe dipendere da altri fattori importanti tra cui patologie significative.

Uricemia: i valori normali di riferimento

I valori di riferimento dell’uricemia ossia della concentrazione di acido urico nel sangue possono variare di laboratorio in laboratorio e di certo sono differenti in base al sesso. In linea generale, i range considerati normali sono i seguenti:

  • Uricemia nelle donne: 1.9 – 7.5 mg/dl
  • Uriemia negli uomini: 2.5 – 8 mg/dl

Si parla quindi di iperuricemia quando i valori risultano superiori a 7.5 mg/dl nelle donne e a 8 mg/dl negli uomini. Al contrario, si parla di ipouricemia quando il valore è inferiore a 1.9 mg&dl nelle donne e a 2.5 mg/dl negli uomini.

Uricemia alta: tutte le possibili cause

Insufficienza-renaleL’uricemia alta può dipendere da un eccesso nella produzione di acido urico da parte dell’organismo ma anche da un problema dei reni, gli organi che dovrebbero eliminare questa molecola filtrandola dal sangue. Le possibili cause di iperuricemia sono le seguenti:

  • Chemioterapia, radioterapia o assunzione di farmaci citotossici (che provocano un aumento della morte cellulare ed una sovraproduzione di acido urico);
  • Patologie genetiche che incidono sul metabolismo delle purine come la gotta;
  • Insufficienza renale cronica o altre patologie renali;
  • Patologie e tumori del sangue, come leucemia, linfoma e anemia emolitica;
  • Assunzione eccessiva di alimenti ricchi di purine (acciughe, reni, fegato, asparagi, animelle, cozze, cardine, crostacei).

Uricemia alta in gravidanza

Un’iperuricemia in gravidanza non deve mai essere sottovalutata perchè può essere un campanello d’allarme precoce che segnala il rischio di gestosi. Questa è una patologia che deve essere trattata in modo adeguato perchè pericolosa per il feto: può infatti provocare una nascita prematura o altre complicazioni durante la gravidanza. In caso di gestosi altri sintomi sono dolori addominali, mal di testa cronico, ipertensione e proteinuria (ossia numero eccessivo di proteine nelle urine).

Creatinina alta e iperuricemia

Se ad alti livelli di acido urico nel sangue si associano anche alte concentrazioni di creatinina sempre a livello ematico, molto probabilmente la causa è da rintracciare in un problema a livello renale. Anche la creatinina è infatti un prodotto che viene filtrato dai reni ed eliminato attraverso l’urina.

Uricemia alta, ipertensione e glicemia

In presenza di alti livelli di acido urico, di glicemia elevata e di ipertensione la diagnosi potrebbe essere quella di gotta, una patologia che deve essere trattata e che richiede una dieta specifica. Generalmente la gotta si presenta con gonfiore, arrossamento e irritazione a livello degli arti ma può caratterizzarsi per altri sintomi.

Uricemia bassa: le possibili cause

Come abbiamo accennato, anche dei livelli troppo bassi di acido urico richiedono accertamenti perchè all’origine di questi valori potrebbero esserci delle patologie da non sottovalutare. Le cause di questa condizione possono essere le seguenti:

  • Disfunzione dell’ipofisi che provoca acromegalia;
  • Celiachia;
  • Patologie del fegato;
  • Anemia;
  • Tumore di Hodgkin e altre forme tumorali;
  • Malattia di Wilson;
  • Terapie a base di cortisone o estrogeni;
  • Sindrome di Fanconi e altre patologie dei reni;
  • Digiuno o assunzione troppo scarsa di proteine animali.

L’ipouricemia è una condizione molto più rara e generalmente meno preoccupante, ma richiede ugualmente una serie di accertamenti per verificare che le cause non siano patologiche.

Ti potrebbe interessare anche…



Loading...